Crea sito

 

Ecco, in copia integrale e conforme all'originale, l'avviso di conclusione delle indagini del pm di Torino Raffaele Guariniello nei confronti del medico della Juventus Riccardo Agricola, del dirigente Antonio Giraudo e del farmacista Giovanni Rossano, in relazione all'indagine sull'uso ed abuso di farmaci, aperta  nel '98 dopo la clamorosa denuncia di Zeman. Le ipotesi di reato sono pesanti e vanno dalla somministrazione di farmaci dannosi per la salute, all'illecito sportivo. Ma ciò che colpisce di più è la vastità e la varietà dei farmaci usati e somministrati, ciò che fa pensare ai calciatori come veri e propri "oggetti", di cui ci si preoccupa quasi esclusivamente in funzione del miglioramento della prestazione. C'è da dire che si tratta ancora e semplicemente di accuse e di ipotesi di reato e che per la legge nessuno è colpevole fino a giudizio concluso. In ogni caso anche lo sport avrebbe  dovuto quanto meno indagare. Invece la Procura del Coni, ha aperto e chiuso in un baleno l'inchiesta, su espressa sollecitazione (autodenuncia) del medico Agricola, archiviando esclusivamente in base alla tesi di difesa dello stesso. Il calcio (men che meno la Juve) non si tocca. Per i particolari vedi il commento di Sergio Rizzo, caporedattore del Corriere dello sport

63/200 R.G. notizie di reato

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI TORINO

AVVISO AGLI INDAGATI DELLA CONCLUSIONE DELLE INDAGINI PRELIMINARI

(ART.415BISC.P.P.)

 

Il Pubblico Ministero Raffaele Guariniello
Visti gli atti del procedimento penale nei confronti di

Giraudo Antonio, n. a Torino il 2/9/1946, res. a Torino, via Principessa Felicita di Savoia, 17;

Agricola Riccardo, n. a San Severo il 13/3/1946, res. a Torino, C.so Vinzaglio, 21;

Rossano Giovanni, n. a Torino il 9/7/1948, res. a Rivoli, via  Perotto, 24, o dom. a Torino - C.so Monte Grappa, 55, presso Farmacia Rossano;

difesi di fiducia dagli Avv.ti.

- Luigi Chiappero - Torino - via Bligny, 5 per   Giraudo e Agricola;
- Enrico Semeraro - Torino - via Pordenone, 10 per Rossano,

INDAGATI

per i seguenti reati, commessi nelle rispettive quaIità competenze e attribuzioni d amministratore delegato della Juventus F.C. s.p.a avente sede in Torino, P.zza Crimea, 7 ed esercente anche atttività consistente nel procurarsi, detenere in apposito magazzino e fornire medicinali per uso umano, il Giraudo; di responsabile del settore medico della Juventus F.C. s.p.a., addetto aIIa distribuzione ai calciatori di tale società dei medicinali forniti dalla società medesima, specialista in neuropsichiatria e in medicina dello sport, e, altresì, operante nella Casa di Cura Villa Cristina di Collegno autorizzata, accreditata e convenzioriata esclusivamente per attività neuropsichiatriche, I'Agricola; di titolare della Farmacia Rossano sita in Torino, C.so Monte Grappa, 55, ed esercente il commercio dl sostanze medicinali, il Rossano:

Giraudo e Agricola

A) artt.648,110 e 81, comma 2, c.p., per avere, in concorso tra loro, al fine di procurare a sè e ad altri un profitto, acquistato e ricevuto da Rossano Giovanni (titolare della Farmacia Rossano, fiduciaria della Casa di Cura Villa Cristina di Collegno) le specialità medicinali Orudis  iniettabile ad uso endovenoso e Mepral iniettabile, ad acquisto, conservazione ed uso riservati ad ospedali e case di cura e di cui è vietata la vendita al pubblico, provenienti dai delitti di falso di cui al capo B e di truffa in danno delle rispettive imprese produttrici  (Rhone Poulenc Rorer s.p.a. e Bracco s.p.a., in quanto Rossano Giovanni, dopo aver contraffatto leprescrizioni mediche limitative indicate nel caro B), induceva in errore le case produttrici - con artifizi e raggiri consistiti nel trasmettere a tali imprese le suddette prescrizioni e nell'attestare che si trattava di "prodotti ospedalieri per la  Casa di Cura Villa Cristina", e così procurava a sé un ingiusto profitto con danno delle imprese produttrici, ottenendo le predette specialità medicinali al prezzo scontato del 50% praticato agli enti ospedalieri e agli istituti di ricovero e cura.

In Torino, tra il marzo e il giugno 1998, in esecuzione del medesimo disegno criminoso.

Rossano

B) artt. 477, 482, 81, comma 2, c.p., per aver contraffatto prescrizioni mediche limitative di cui agli artt. 2, comma 1, lettera e), n. 2, e 9 D.Leg. 30 dicembre 1992 n. 539, in relazione alI’art. 1 paragrafo 2, Direttiva 92/26/CEE, formando prescrizioni mediche limitative provenieti dalla Casa di Cura Villa Cristina di Collegno convenzionata con il Servizio Sanitario Nazionale e relative alle specialità medicinali Orudis iniettabile ad uso endovenoso e Mepral iniettabile,   ad acquisto, conservazione ed uso riservati a ospedali e case di cura e di cui è vietata la vendita al pubbIico, e così per avere, mediante la contraffazione di siffatte prescrizioni mediche limitative,fatto apparire adempiute le condizioni richieste dall'art.9 D.Leg.n 539/1992 per la loro validità.

In Torino, tra il marzo e il giugno 1998, in esecuzione del medesimo disegno criminoso.

Giraudo

C) art. 15, comma 1, D.Leg. 30 dicembre 1992 n. 538, in relazione agli artt. 1, comma 2, 2 e 3 D.Leg. n. 538/1992, per avere, senza essere in possesso della prescritta autorizzazione, esercitato attività consistenti nel procurarsi, detenere, fornire medicinali, e, in particolare, i seguenti medicinali (in una o più confezioni per ciascuno):

ADALAT                       cpr                         TACHIPIRINA      cpr                           VIT PORPHYRIN           fiale
                                                                                                                               II GRADO       

ADRENALINA 1 MG  fiale                       TACHIPIRINA      sup                           LOPERIL                        cpr

ADRONAT                   cpr                          FASTUM             gel                            MACLADIN                    cpr

ALIIMIX                         cpr                          FELDENE           fiale                         MACLADIN   250           cpr

ALLERGODIL            spry                         FELDENE          crema                      MARESPIN                    cpr

AMINOMAL                 fiale                         FELDENE FAST cpr                        MATRIX                         cpr

AMINOMAL  IV           fiale                        FELDENE SOL    cpr                        MATRIX                         fiale

ANANASE 100          cpr                          FERLIXIT             fiale                         MEPRAL                       fiale

ARVENUM 500         cpr                           FERROGRAD       cpr                        MERREM 1000           fiale

ASPIRINA                   cpr                           FLAN TADlN 30 MG cpr                   MESULID                      bus

ASPIRINA C               cpr                           FLEBOCORTID 500 flale                  MESULID FAST         bus

ASPIRINA C EFF     cpr                           FLECTADOL 1000 bus                     MINIAS                         cpr

ASPIRINA 500 MG  cpr                            FLECTADOL 1000    fiale                 MINIAS 1 GR              cpr

AUGMENTIN            cpr                            FLECTADOL fiale                              MIOCAMEN 600        cpr

AUGMENTIN 1 GR  cpr                            FLECTADOL 500 flate                      MISODEX                    cpr

AURONAT                 cpr                            FLUBASON            bus                       MISODEX 200           cpr
                                                                                                                                MG

BACACIL 1200       cps                            FLUIMUCIL             flate                      MISOFENAC               cpr

BACTRIM FORTE   cpr                            FLUIMUCIL             fiale                      MONURIL                     bus
                                                                                                   e aeros
 
BARALGINA            fiale                           FLUIMUCIL             bus                       MUSCORIL                 fiale

BENTELAN              cpr                             FLUIMUCIL 100     bus                       MUSCORIL                cpr

BENTELAN 0,5 MG cpr                           FLUIMUCIL 200     bus                       NABUSER                  bus

BENTELAN 1,5      fiale                            FLUIMUCIL              fiale                      NARCAN                     fiale
ANTIBIOTICO

BENTELAN 4 MG fiale                             FLUIMUCIL 600     cpr                        NEOTON 1 GR          fleb

BIMIXIN                    cpr                              FLUPRIM TOSSE gtt                          NEURAMIDE              fiale

BISOLVON LINCTUS scir                       FOMENTIL               cpr                        NICETILE                    cpr

BREXIN                   bus                             FROBEN                  cpr                         NIFLAM                     gel 

BREXIN 20 MG     bus                             FROBEN                  gtt                           NIZORAL                  flac

BRUFEN                 bus                             FROBEN                 collut                       NIZORAL SCALP   flac

BUSCOPAN         cpr                             GAVISCON              cpr                          NORMIN                    cpr
 
BUSCOPAN         fiale                           GAVISCON              scir                          NOVALGINA            gtt

BUSCOPAN        sup                             GENTALYN              crema                     ORUDIS                    cpr

CENTELLASE    cpr                              GENTALYN BETA crema                      ORUDIS                    fiale

CIPROXlN 250    cpr                              GENTUS                  scir                           ORUDIS RETARD cpr

CIPROXIN 500    cpr                              GUTRON                  gtt                             OTALGAN               gtt

CISTIDIL               cpr                               IMMUCYTAL            fiale                          OTOSPORlN           gtt
                                                                                                  aeros

CLENIL A             fiale                             IMODIUM                 cpr                             PANADOL             cpr
                             aeros

CLENIL A            flac                              INDOXEN 25 MG cpr                              PEFLACIN 400     cpr

COMPLAMIN     fiale                             INIBACE                 cpr                              PEVARYL               crema

CROMATONFERRO fiale                    INIBACE 5 MG      cpr                              PEVARYL               polv

DEFLAMAT 75 MG   cpr                      LARIAM                   cpr                             PEVARYL               schiu

DEFLAN 6 MG    cpr                             LASIX                       fiale                          PLASIL                    cpr

DEFLAN 30 MG cpr                              LASIX                      cpr                            PLASIL                     fiale

DELTACORTENE 5 cpr                       LEDERFOLIN        cpr                             POLARAMIN           cpr

DEPO MEDROL 40 MG fiale              LEGOFER 40         fiale                           POLARAMIN           crem

DEPO MEDROL fiale                           LEVOCARVIT        fiaIe                           POLARAMIN AR    cpr

DEPO MEDROL CON fiale                 LEVOTUS               gtt                              PORFIRIN                cpr
LIDOCAINA

DIIDERGOT        gtt                               LEXIL                       cpr                             PORFIRIN 12          fiale

DOBETIN 1000 fiale                             LEXOTAN                gtt                              RANIDIL 150          cpr

DOBETIN 5000 fiale                             LIDOCAINA CLO 200MG fiale               RANIDIL 300           cpr

EN                        gtt                                LIOMETACEN         fiale                          REDOXON 500 MG cpr

EN 0,5 MG         cpr                               LIPOSOM FORTE fiale                          REPARlL                  cpr

EUMOVATE      pom                             LIQUEMIN               fiale                           REPARIL                  fiale

FARGAN            crem                            LOCALYN OTO     gtt                              VIT PORPHYIN II     fiale

FARGANESSE fiale                            TACHIPIRINA 1000 sup                          VIVIN C                     cpr

RIFOCIN             fiale                            TACHIPIRINA 500 cpr                             VOLTAREN             cpr

RIFOCIN 250 MG fiale                         TAD 600 fiale                                           VOLTAREN              fiale

RIFOCIN TOPICO fiale                        TARGOSIL 200 MG fiaIe                         VOLTAREN             gel

RILATEN flale                                       TAVOR 1 MG cpr                                     VOLTAREN               sup

RINAZINA gtt                                         illegibile                                                      illegibile

illegibile                                                 TELDANE FORTE cpr                             VOLTAREN SOL     cpr

 

ROCEFIN   fiale                                   TORADOL         cpr                                     XAMAMINA              cpr

ROCEFIN 1 GR fiale                           TORADOL          fiale                                   XATRAL                   cpr

ROVAMICINA    cpr                             TORADOL         gtt                                       XYLOCAINA            fIac

SAMIR  200        fiale                          TORADOL 10  cpr                                       XYLOCAINA 2%    flac

SAMYR 200       cpr                            TORADOL 10  fiale                                      ZANTAC   fiale

SARIDON           cpr                            TORADOL 30 fiale                                      ZEPELIN cpr

SOBREPIN        fiale                           TRANS ACT cerotti                                    ZEPELIN bus

SOBREPIN         bus                            TRANSMETIL 600 fiale                             ZEPELINDUE bus

SOBREPIN 200 bus                           TRICORTIN 1000 fiale                               ZEPELINDUE cpr

SOBREPIN AEREOSOL fiale          TRINITRINA           cpr                                 ZERINOL cpr

SOLUMEDROL 1 GR fiale                TRONAN 100 MG cpr                                ZIMOX cpr

SASMEX           fiale                            UBIMAIOR            fiale                                ZIMOX 1 GR cpr

 

SPASMEX       sup                             UGUROL              fiale                                ZINNAT 250 cpr

SPASMEX       cpr                             ULTRAVISIN         cpr                                 ZINNAT 500 cpr

SPASMODIL fiale                             UROTRACTIN       cpr                                 ZIRTEC cpr

SPASMOMEN 40 MG cpr               VALIUM                  fiale                               ZITROMAX cpr

STILNOX         cpr                             VALPINAX             cpr                                 ZOVIRAX cpr

SUCRALFIN   bus                            VELAMOX             cps                                 ZOVIRAX p.oft

SUCRALFIN   cpr                             VELAMOX 1 GR cpr                                  ZOVIRAX 3 GR crem

SUPRADYN   cpr                              VERECOLENE   cpr                                  ZOVIRAX 400 cpr

SYNFLEX  F.TE bus                        VERECOLENE COMPL cpr

SYNFLEX F.TE sup                         VISUMETAZONE   gtt

In Torino, dal luglio 1994 a tutt'oggi.

Giraudo

D) art. 4, comma 2, D. Leg 19 settembre 1994 n. 626, per aver omesso di redigere un documento di valutazione dei rischi contenente una completavalutazione dei rischi per la sicurezza e la salute durante il lavoro e l'individuazione delle misure di prevenzione e di protezione da adottare relativamente ai calciatori della Juventus F.C. s.p.a., legati da rapporto di lavoro subordinato con tale società a norma degli artt.3 e 4 L. 23 marzo 1981 n. 91.

In Torino, accertato tra agosto e settembre 1998 e commesso a tutt'oggi.

Giraudo e Agricola

E) artt. 6 L. 5 giugno 1990 n.135, 38 L. 20 maggio 1970 n. 300, 110 e 81, comma 2, c.p., anche in relazione al D.M. 13 marzo 1995, AlI. C, Sez. I, per avere, in concorsoa tra loro fatto sottoporre all'esame per l'accertamento dello stato di sieropositività all'A.I.D.S. i calciatori della Juventus F.C. s.p.a.legati dal rapporto di lavoro subordinato con tale scietà a norma degli artt. 3 e 4 L. 23 marzo 1981 n. 91; ipotesi grave, per la sistematicità dell'attentato alla dignità e riservatezza dei soggetti sottoposti all'esame.

In Torino, in esecuzione del medesimo disegno criminoso tra il luglio 1994 e il settembre 1998, e a tutt’oggi.

Giraudo e Agricola

F) artt. 5 e 38 L. 20 maggio 1970 n. 300, 110, 81, comma 2, c.p. in relazione agli artt. 16 D. Leg. 19 settembre 1994 n. 626, e 8 D.M. 13 marzo 1995, per avere, in concorso tra loro, fatto sottoporre i cailciatori della Juventus F.C. s.p.a., legati da rapporto di lavoro subordinato con tale società a norma degli artt. 3 e 4 L. 23 marzo 1981 n. 91, ad esami tecnicostrumentali non indicati nell’All. C del D.M. 13 marzo 1995, a prescindere dalla presenza di un fondato sospetto clinico (quali gli esami per la determinazione di testosterone, cortisolo nel sangue, e deidroepiandrosterone).

In Torino, in esecuzione del medesimo disegno criminoso, tra il luglio 1994 e il settembre 1998, e a tutt’oggi.

Giraudo e Agricola

G) artt. 1 L. 13 dicembre 1989 n. 401, 110, 81 comma 2, c.p., per avere in concorso tra loro, al fine, di raggiungere un risultato diverso da quello conseguente al corretto e leale   svolgimento di competizioni sportive organizzate dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio (campionato di calcio di serie A, coppa Italia). compiuto una ,pluralità convergente di atti fraudolenti consistiti nel:

1) procurarsi, detenere, sommnistrare ai calciatori trattati, specialità medicinali contenenti sostanze rientranti nell'elenco formulato dal C.I.O. relativo alle "Classi di sostanze proibite e del metodi proibiti" in materia di doping,deliberato dal C.O.N.I. e recepito dalla Federazione Italiana Gioco Calcio, e nella lista di riferimento delle classi farmacologiche di agenti e metodi doping adottata nel quadro della convenzione antidoping fatta a Strasburgo il 16 novembre 1989 e ratificata in Italia con legge 29 novembre 1995 n. 152, e, in particolare:
-la specialità medicinale Liposom Forte contenente fosfolipidi ipotalamici e mannitolo, autorizzata dal Ministero della Sanità per le alterazioni metaboliche cerebrali conseguenti a turbe neuroendocrine, avente azione dopante sia per la presenza   del mannitolo (appartenente alla Classe Farmacologica l-D "Diuretici" , proibita per ogni via sino al 1996, e dal 1997 proibita per iniezione endovenosa), sia per la presenza dei fosfolipidi (per un verso, atti a interferire con il turnover di mediatori sia catecolaminici -dopamina e noradrenalina- sia colinergici -acetilcolina- e, quindi, appartenenti alla Classe Farmacologica I-A "Stimolanti", comprensiva delle "sostanze affini per la loro azione farmacologica e/o struttura chimica"; e, per l’altro, atti ad innalzare i tassi plasmatici dell’ormone somatotropo, e, quindi, appartenenti alla Classe Farmacologica I-E "Ormoni peptidici e glicoproteici ed analoghi", comprensiva dei "rispettivi fattori di rilascio e loro analoghi)
-la specialità medicinale Lidocaina, contenente Iidocaina, appartenente alla Classe Farmacologica III-C ("Anestetici locali"), ricorrendo il divieto di somministrazione per iniezione locale o intraarticolare per omissione della prescritte notifica all'autorità competente prima della competizione in presenza di giustificazione medica e con indicazione della diagnosi, della dose e della via di somministrazione;
-la specialità medicinale Xylocaina, contenente xilocaina, appartenente alla Classe Farmacologica III-C ("Anestetici locali"), ricorrendo il divieto di somministrazione per iniezione locale o intraarticolare per omissione della prescritte notifica all'autorità competente prima della competizione in presenza di giustificazione medica e con indicazione della diagnosi, della dose e della via di somministrazione;

-
la specialità medicinale Depo-medrol fiale, contenente metilprednisolone, appartenente alla Classe Farmacologica III-D ("Corticosteroidi"), ricorrendo il divieto di somministrazione per iniezione sistematica, e non risultando consentita la somministrazione per iniezione locale o intraarticolare per omissione della prescritta notifica all'autorità competente prima della competizione;
-la specialità medicinale Depo-medrol + Lidocaina fiale, contenente sia metilprednisolone appartenente alla Classe Farmacologica III-D ("Corticosteroidi"), ricorrendo il divieto di somministrazione per iniezione sistematica, e non risultando consentita la somministrazione per iniezione locale o intraarticolare per omissione della prescritta notifica all'autorità competente prima della competizione, sia lidocaina appartenente alla Classe Farmacologica III-C ("Anestetici locali"), ricorrendo il divieto di somministrazione per iniezione sistematica, e non risultando consentita la somministrazione per iniezione locale o intraarticolare per omissione della prescritta notifica all'autorità competente prima della competizione in presenza di giustificazione medica e con indicazione della diagnosi, della dose e della via di somministrazione;
-la spacialità medicinale Bentelan fiale contenente betametasone, appartenente alla Classe Farmacologica III-D ("Corticosteroidi") ricorrendo il divieto di somministrazione per iniezione sistematica, e non risultando consentita la somministrazione per iniezione locale o intraarticolare per omissione della prescritta notifica all'autorità competente prima della competizione;
-la specialità medicinale Bentelan compresse,contenente betametasone, appartenente alla Classe Farmacologica III-D ("Corticosteroidi") ricorrendo il divieto di somministrazione per via orale;
-la specialità medicinale Deflan compresse, contenente deflazacort, appartenente alla Classe Farmacologica III-D ("Corticosteroidi") ricorrendo il divieto di somministrazione per via orale;
-la specialità medicinale Flantadin compresse, contenente deflazacort, appartenente alla Classe Farmacologica III-D ("Corticosteroidi") ricorrendo il divieto di somministrazione per via orale;
-la specialità medicinale Flebocortid fiale, contenente idrocortisone, appartenente alla Classe Farmacologica III-D ("Corticosteroidi") ricorrendo il divieto di somministrazione per iniezione sistematica, e non risultando consentita la somministrazione per iniezione locale o intraarticolare per omissione della prescritta notifica all'autorità competente prima della competizione;
-la specialità medicinale Solu-medrol fiale, contenente metilprednisolone,   appartenente alla Classe Farmacologica III-D ("Corticosteroidi") ricorrendo il divieto di somministrazione per iniezione sistematica, e non risultando consentita la somministrazione per iniezione locale o intraarticolare per omissione della prescritta notifica all'autorità competente prima della competizione;
-la specialità medicinale Tricortin 1000, contenente fosfolipidi cerebrali e lidocaina, autorizzata dal Ministero della sanità per "stati ipossidotico-dismetabolici del sistema nervoso centrale e sindromi polialgico-neurosiche", avente azione dopante, sia per la presenza della lidocaina (appartenente alla Classe Farmacologica III-C ("Anestetici locali"), ricorrendo il divieto di somministrazione per iniezione sistematica, e non risultando consentita la somministrazione per iniezione locale o intraarticolare per omissione della prescritta notifica all'autorità competente prima della competizione in presenza di giustificazione medica e con indicazione della diagnosi, della dose e della via di somministrazione), sia per la presenza dei fosfolipidi (in grado di attivare il metabolismo neuronale normalizzando le attività enzimatiche di membrana e di aumentare sia il turnover dei neurotrasmettitori, sia il metabolismo glucidico e quello dei fosfolipidi endogeni, e, quindi, appartenenti alla Classe Farmacologica I-A "Stimolanti", comprensiva delle "sostanze affini per la loro azione farmacologica e/o struttura chimica");

2) procurarsi, detenere, e somministrare ripetutamente ai calciatori trattati, senza la prescritta ricettazione, senza una apposita indicazione prescrittiva nelle relative cartelle sanitarie, e senza un consenso informato del calciatore trattato, specialità medicinali al di fuori delle indicazioni autorizzate dal Ministero della Sanità, nel convergente intento di attuare nei confronti dei calciatori trattati percorsi farmacologici di attivazione biochimica, bioenergetica, neurotrasmettitoriale, a livello cerebrale e/o muscolare e/o cardiaco e di incrementarne le prestazioni; e, in particolare:
-la specialità medicinale Samyr a base di ademotionina solfato p-toluensolfato, autorizzata dal Ministero della Sanità per il  trattamento delle sindromi depressive data la sua interferenza a livello cerebrale can il metabolismo dei neuromediatori sia catecolaminici (dopamina, noradrenalina, adrenalina) sia jindolaminici (serotonina e melatonina) sia imidazolici
(istamina), e invece somministrata a calciatori in piena attività agonistica non affetti da sindrome depressiva, nè da altra patologia non curabile con gli attuali mezzi terapeutiic a disposizione, con la giustificazione che si trattava di un farmaco "disintossicante  o "detossicante", e non informando i calciatori trattati che si trattava di un farmaco attivo sul sistema nervoso centrale in grado di modificare il biochimismo cerebrale e pertatnto indicato in soggetti affetti da depressione, con la finalità di attuare nei calciatori trattati un'efficace attivazione neurochimica a livello del sistema nervoso centrale e di modificarne le proprietà psicofisiche e biologiche, e, quindi, con l'intento di incrementarne le prestazioni;
-la specialià medicinale Liposom forte, contenente fosfolipidi ipotalamici e mannitolo,   autorizzata dal Ministero della Sanità per le alterazioni metaboliche cerebrali conseguenti, a turbe neuroendocrine, e invece somministrata a calciatori in piena attività agonistica non affetti da alterazioni metaboliche cerebrali conseguenti a turbe neuroendocrine, né da altra patologia non curabile con gli attuali mezzi terapeutici a disposizione, e non informando i predetti calciatori che si trattava di un farmaco attivo suI sistema nervoso centrale in grado di modificare il biochimismo cerebrale e avente l'azione dopante descritta in questo capo G, al punto 1, primo trattino,
con la finalità di attuare nei calciatori trattati un'efficace attivazione neurochimica a livello del sistema nervoso centrale e di modificarne le proprietà psicofisiche e biologiche, e, quindi, con l’intento di incrementarne le prestazioni;
-la specialità medicinale Neoton, contenente creatina fosfato, autorizzata dal Ministero della Sanità per la cardioprotezione in chirurgia cardiaca con addizione alle soluzioni cardioplegiche e Ia sofferenza metabolica del miocardio in stati ischemici, e invece somministrata per via endovenosa mediante fleboclisi a calciatori in piena attività agonistica non affetti da sofferenza metabolica del miocardio in stati ischemici, né sottoposti a chirurgia cardiaca con conseguente necessità di addizione del farmaco alle soluzioni cardioplegiche (situazioni del resto incompatibili con l'attività agonistica) ),né affetti da altra patologia non curabite con gli attuali mezzi terapeutici a disposizione, con la giustificazione che si trattava di un "ricostituente", e  non informando i calciatori trattati che si trattava di un farmaco di un farmaca attivo sul metabolismo energetico e pertanto indicato nella cardioprotezione in chirurgia cardiaca e nella sofferenza metabolica del
miocardio in chirurgia cardiaca, con la finalità di realizzare nei calciatori trattati un’efficace attivazione bioenergetica a livello della muscolatura cardiaca e scheletrica e di modificarne le proprietà psicofisiche e biologiche, e, quindi, con l’intento di incrementarne le  prestazioni;
-la speciaIità medicinale Esafosfina a base di D-fruttoso-1,6 difosfato sale sodico, autorizzata dal Ministero defla Sanità per il trattamento dell’ipofosfatemia oggettivamente accertata sia in situazioni acute (quali terapie trasfusionali, intervento in circolazione extracorporea, nutrizione parenterale), sia in corso di situazioni o affezioni croniche talora associate a deplezione di fosfati (quali etilismo cronico, malnutrizione protratta, insufficienza respiratoria cronica) e per il trattamento delle miocardiopatie ischemiche, e invece somministrata per via endovenosa mediante fleboclisi a calciatori in piena attività agonistica non affetti da ipofosfatemia oggettivamente accertata né da miocardiopatie ischemiche (patologie, del resto, incompatibili con l’attività agonistica), nè affetti da altra patologia non curabile con gli attuali mezzi terapautici a disposizione, con la giustificazione che si trattava di un "ricostituente" e non informando i calciatori trattati che  si trattava di un farmaco attivo sul metabolismo energetico muscoIare (aumento delle concentrazioni tissutali del mediatore d’energia ATP così messo a disposizione per le attività dei sistemi interessati quali muscoli scheletrici e cuore; diminuzione dei liveIli ematici di glucosio con facilitazione dell’utilizzo a scopi energetici; incremento della capacità di svolgere lavoro muscolare), e pertanto indicato nelle predette patoIogie, con la finalità di realizzare nei calciatori trattati un’efficace attivazione bioenergetica a livello della muscolatura cardiaca e scheletrica e di modificarne le proprietà psicofisiche e biologiche, e, quindi, con l’intento di incrementarne le prestazioni;

3) procurarsi, detenere, e somministrare ripetutamente ai calciatori trattati, senza la prescritta ricettazione, senza una apposita indicazione prescrittiva nelle relative cartelle sanitarie, e senza un consenso informato del calciatore specialità medicinali ai di fuori delle indicazioni autorizzate dal Ministero della Sanità, nel convergente intento di attuare nei confronti dei calciatori trattati percorsi farmacologici di attivazione psicofisica e biologica in particolare:
-la specialità medicinale Depo-medrol fiale, contenente metilprednisolone, somministrata a calciatori per i quali non sono documentate, né documentabili, condizion cliniche rientranti nelle indicazioni terapeutiche autorizzate dal Ministero della Sanità e atte a giustificarne l'impiego, nel'intento di modificarne le prestazioni;
-la specialità medicinale Bentelan fiale contenente betametasone, somministrata a calciatori per i quali non sono documentate, né documentabili, condizioni cliniche rientranti nelle indicazioni terapeutiche autorizzate dal Ministero della Sanità e atte a giustificarne l‘impiego, nell'intento di modificarne le prestazioni;

4) procurarsi, detenere, e somministrare ripetutamente ai calciatori trattati, senza la prescritta ricettazione e senza una apposita indicazione prescrittiva nelle relative cartelle sanitarie, la specialità medicinale Voltaren a base di diclofenac, autorizzata dal Ministero della Sanità per il trattamento di affezioni reumatiche infiammatorie e degenerative (artrite reumatoide, spondilite anchilosante), artrosi, reumatismo extra-articolare, stati dolorosi da flogosi di origine extra-reumatica o post-traumatica, episodi dolorosi acuti in atto nel corso di affezioni infiammatorie dell'apparato muscolo-scheletrico, episodi dolorosi acuti in atto nel corso di coliche renali ed epatiche, caratterizzata da effetti collaterali tali da consigliarne un uso mirato e per periodi di tempo molto brevi (disturbi gastroenterici, manifestazioni allergiche, cutanee e mucose; disturbi del sistema nervoso centrale quali astenia, capogiri, cefalea convulsioni, disturbi sensori o della visione, insonnia, irritabilità, tinnito; alterazioni renali; alterazioni epatiche; alterazioni dell’emopoiesi, alterazioni dell’apparato respiratorio), e invece somministrata anche a immediato ridosso o nel corso della competizione, e, quindi, non in condizioni di sospensione dell’attività agonistica, a calciatori affetti da patologie inabilitanti rientranti nelle indicazioni autorizzate dal Ministero della Sanità, con la finalità di mascherare la forma morbosa grazie allattività antidolorifica del Voltaren, e, quindi, nel convergente intento di alterare le prestazioni degli atleti, per di più esponendoli sia a effetti collaterali che potevano richiedere l'utilizzo di altri farmaci per antagonizzare tali effetti (tipo gastroenteroprotettori), sia al rischio di un peggioramento della forma morbosa e di una conseguente protrazione nel tempo del trattamento farmacologico;

5) procurarsi, detenere e somministrare ai calciatori trattati specialità medicinali ad acquisto, conservazione ed uso riservati a ospedali e case di cura a norma dall'art. 9 D.Leg. n. 539/1992, e non utilizzabili "in situazioni di sufficiente sicurezza al di fuori di strutture ospedaliere", e, in particolare:
-la specialità medicinale Orudis iniettabile ad uso endovenoso a base di ketoprofene (autorizzata dal Ministero detta Sanità per il trattamento sintomatico degli episodi dolorosi acuti in atto in corso d’affezioni infiammatorie dell'apparato muscolo-scheletrico), ad acquisto, conservazione ed uso riservati a ospedali e case di cura sia per garantire una maggiore sicurezza di impiego in rapporto alla possibilità di effetti collaterali anche severi, sia per motivi legati alle modalità di preparazione che richiedono particolari precauzioni in ispecie sotto l’aspetto inerente al maneggiamento in asepsi completamente garantito solo in ambiente ospedaliero, sia per motivi legati alla notevole amplificazione degli effetti collaterali (disturbi gastrointestinali, reazioni cutanee, disturbi renali, disturbi  epatici), e il cui indebito utilizzo in soggetti non ospedalizzati appare finalizzato a mantenere in attività agonistica calciatori affetti da inabilitanti quadri morbosi osteo-mio-articolari;
-la specialità medicinale  Mepral iniettabile a base dì omeprazolo (autorizzata dal Ministero della Sanità per ulcera della parete gastrica, spesso in caso d’alterazioni della mucosa dovute a gastrite; ulcera del duodeno da aumento della secrezione acida, presenza d’agenti patogeni esterni, disturbi dell'autoregolazione, disturbi della motilità gastrica ecc; esofagiti da (illegibile), con infiammazione della parte terminale dell'esofago dovuta al rigurgito nello stesso succo gastrico, sindrome di Zollinger-Ellison, dovuta neoplasia d'alcune cellule del pancreas con ipersecrezione di gastrina ed ulcere gastriche, esofagee e duodenali che insorgono rapidamente a causa dell'iperacidità gastrica), ad acquisto, conservazione ed uso riservati a ospedali e case di cura sia per motivi medici, sia per motivi legati alle modalità indaginose di preparazione e somministrazione, sia per motivi legati alla necessità di accertamenti diagnostici prima della somministrazione, sia per motivi legati alla possibile amplificazione, degli effetti collaterali dell'omeprazolo, con comparsa di cefalea, nausea, vomito, diarrea o stipsi, ecc.
e il cui indebito utilizzo in soggetti non ospedalizzati appare finalizzato a una rapida protezione gastroenterica a fronte dei possibili effetti collaterali indotti dai trattamenti con FANS in corso di attività agonistica con possibilità a circolo chiuso di amplificazione degli effetti collaterali dell'omeprazolo;

6) procurarsi, detenere e somministrare ai calciatori trattati, sia durante il ritiro precampionato, sia durante la stagione agonistica, prodotti conteneti creatina a dosaggi giornalieri superiori ai 6 grammi (inizialmemnte dosi comprese fra i dieci e trenta grammi/die),nonché  negli intervalli delle partite a dosaggi pari a 2-3 grammi, in contrasto con le specifiche indicazioni fornite al riguardo dal Consulente in materia della Juventus F.C. s.p.a., in maniera continuativa e senza necessità clinica,con l'intento di potenziare le prestazioni di atleti per i quali non erano documentate condizioni cliniche che giustificassero l'impiego di siffatte dosi di creatina e pur nella consapevolezza di eventuali sovraccarichi epatici o renali o effetti collaterali tipo diarrea o incremento ponderale;

7) omettere l'adozione delle necessarie misure precauzionali (in particolare, controindicazioni anche temporanee alla pratica dell'attività professionale, sospensione o restrizione dell'attività agonistica, svolgimento di specifiche indagini diagnostiche clinico-laboristiche) in presenza di situazioni cliniche anomale evidenziatesi in alcuni determinati calciatori e consistite in intensi incrementi dei valori di ematocrito (sino a +8/9 punti percentuali, e con punte oltre il 50%) associato ad aumento del volume medio di globuli rossi, riduzione della concentrazione emoglobinica media e assunzione di ferro non giustificata dall'evidenza clinica di una anemia da carenza di ferro, essendo tale condizione compatibde con una stimolazione farmacologica del midollo eritroide e la conseguente necessità di assunzione di preparati a base di ferro ai fini della sintesi dell'emoglobina per i globuli rossi in eccesso;

8) non riportare nelle cartelle cliniche relative ai calciatori le somministrazioni, le prescrizioni, le indicazioni, il dosaggio, la natura e la durata dei trattamenti farmacologici ad essi praticati.

In Torino, in esecuzione del medesimo disegno criminoso tra luglio 1994 e settembre 1998.

 

Giraudo, Agricola e Rossano

H) artt. 445,110, 81, comma 2, c.p., per avere in concorso tra loro, somministrato ai calciatori trattati specialità medicinali in specie e qualità diverse da quelle dichiarate, e, in particolare:
-speciaIità medicinali di cui al capo G, punti 2 e 3, somministrate in specie e qualità diverse da quelle dichiarate, in quanto dichiarate ai calciatori trattatti specialità medicinali non aventi azione dopante;
-specialità medicinali di cui al capo G, punti 2 e 3, somministrate in specie e qualità diversa da quelle dichiarate, e, segnatamente, per indicazioni diverse da quelle dichiarate nell'etichettatura e nel foglio illustrativo e da quelle dichiarate ai calciatori trattati;
-specialità medicinali di cui al capo G, punto 5, somminitrate in specie e qualità diverse da quelle dichiarate nell'etichettatura e nel foglio illustrativo (recanti l’indicazione "medicinali da utilizzare in ospedali e case di cura: vietata la vendita al pubblico").

In Torino, in esecuzione del medesimo disegno criminoso, tra luglio 1994 e settembre 1998.

 

Giraudo e Agricola

I) artt. 445,110, 81, comma 2, c.p., per avere, in concorso tra loro e con i fornitori dei prodotti contenenti creatina di CUI al capo G, punto 6, somministrato ai calciatori trattati Siffatti prodotti in specie, qualità, quantità, diverse da quelle dichiarate, e, in particolare, in quanto: somrministrate a dosaggi giornalieri superiori a quelli dichiarati ai calciatori trattati; costituenti specialità medicinali, anziché i dichiarati integratori; aventi possibili effetti collaterali in luogo della dichiarata innocuità.

In Torino, in esecuzione del medesimo disegno criminoso, tra luglio 1994 e settembre 1998.

V. artt. 418 bis e 550, comma 1 c.p.p.;

AVVISA

che nell’ambito del predetto procedimento le indagini preliminari sono concluse;

AVVERTE

che la documentazione relativa alle indagini espletate è depositata presso la Segreteria di questo Pubblico Ministero (in Torino, P.zza Palazzo di Città, 7 -  Procura della Repubblica presso il Tribunale di Torino), e che gli indagati e i loro difensori hanno facoltà di prenderne visione ed estrarne copia;
che gli indagati hanno facoltà, entro il termine di venti  giorni, di presentare memorie, produrre documenti, depositare documentazione relativa ad investigazioni dei difensori, chiedere al Pubblico Ministero il compimento di atti di indagine, nonché di presentarsi per rilasciare dichiarazioni ovvero chiedere di essere sottoposti ad interrogatorio;

INVITA

Giraudo Antonio, Agricola Riccardo e Rossano Giovanni a dichiarare o eleggere domicilio per le notificazioni relative al presente procedimento con dichiarazione resa in segreteria di questo Ufficio o del Tribunale del luogo ove gli interessati si trovino o mediante telegramma o lettera raccomandata con Sottoscrizione autenticata da un notaio o da persona autorizzata o dal difensore. Con l'avvertimento che devono comunicare ogni mutamento del domicilio eletto e che, in caso di mancanza, di  insufficienza o di inidoneità della dichiarazione o della elezione, le successive notificazioni verranno eseguite nel luogo ove il presente decreto è stato nnotificato;

DISPONE

che il presente avviso sia notificato alle persone indagate e ai difensori.

Torino 25/5/2000